Home > Semi carte napoletane

Semi carte napoletane

Semi carte napoletane

Tre di spade: Cinque di spade: Nemici impediscono di vivere la vita in pace e fanno di tutto per ostacolare e danneggiare la persona. Donna di spade: Di solito indica spesso la suocera, oppure donna militari o che lavorano in ambito giuridico. Se la carta è rovesciata, il significato è uguale, e si aggiunge il fatto che si tratta di una donna sciocca e pettegola, le cui maldicenze si ritorceranno contro.

Asso di denari: Rovesciato vuol dire che le cose belle arriveranno, ma non subito. Se esce insieme al due e al tre di spade, il divorzio è imminente. Due di denari: Quattro di denari: Cinque di denari: Sette di denari: Donna di denari: Cavaliere di denari: Re di denari: La carta rovesciata indica invece un uomo avaro, menzognero, raggiratore ed avido di denaro. Connettiti con Facebook. Non sei registrato? Avvisami via e-mail delle risposte.

Trascrivi questo codice Aggiorna il codice di controllo. Aiutaci a capire il problema. Invia segnalazione. Notizie di oggi. I più letti della settimana. Violenza sul lungomare, maxi rissa davanti ai bambini Ritrovata Alessia Ciccone, era in un appartamento a Nola Gennaro Rega si spegne giovanissimo, lutto a Brusciano Torna il vento forte su Napoli e Campania: Stranamente i nomi parigini ottengono più successo nei tempi a venire.

La suddivisione è la seguente:. Molto simile al re di cuori era ad esempio il re di denari del mazzo di Phelippe Ayet. Il re di cuori infatti brandiva un'ascia sopra la testa e non una spada dietro la testa motivo per il quale, oggi, viene soprannominato re suicida. In ultimo, verso la fine dell'Ottocento, si è deciso di capovolgere quelle figure che avevano il seme a destra per aumentare la leggibilità delle carte quando sono disposte a ventaglio.

Nei primi giochi i re sono la carta di valore maggiore, con nessuna eccezione. Le indicazioni del valore della carta sugli angoli e sui bordi cominciano a comparire alla metà del XIX secolo per permettere di tenere le carte ravvicinate a ventaglio con una sola mano e controllarle comunque tutte in precedenza le carte si distribuivano e si leggevano tra le due mani. Questa innovazione richiese l'abbandono di alcune delle caratteristiche delle figure precedenti che erano rappresentate per intero sulla carta.

La matta , jolly o joker in inglese , è una carta creata negli Stati Uniti per il gioco dell' Euchre , che si era diffuso provenendo dall'Europa nella seconda metà del XIX secolo [19]. Nell' Euchre le due briscole di valore maggiore sono il right bower e il left bower [20] " rispettivamente il fante del seme di briscola e il fante del seme dello stesso colore di quello di briscola e il joker fu introdotto intorno negli anni cinquanta del XIX secolo come terza briscola che superasse tutte le altre best bower [19] Si pensa che il nome della carta derivi da juker , il nome del gioco alsaziano da cui sarebbe derivato l' Euchre.

Nonostante la somiglianza iconografica con Il Matto dei tarocchi si ritiene che non ci sia alcuna correlazione [23]. Le prime versioni del joker avevano illustrazioni di vario tipo, una di un mazzo del viene descritta come riportante una tigre con la scritta Higher Trump , un'altra del che ci è arrivata non ha immagini ma semplicemente delle scritte e solo alla fine del XIX secolo l'immagine divenne stabilmente quella di un giocoliere di corte [22]. Inizialmente i mazzi contenevano un solo joker e fu solo intorno al che iniziarono a incorporare un secondo di scorta [22] Nei mazzi moderni uno dei due joker è generalmente più colorato e dettagliato dell'altro, sebbene questa distinzione non sia sfruttata dalla maggioranza dei giochi.

Diversamente dalle figure lo stile dei joker varia grandemente, e molti produttori lo usano per imprimervi il loro marchio registrato. Una evidente variazione delle carte moderne riguarda i semi utilizzati. I vari semi prendono il nome dal paese di origine, ma il loro uso non coincide necessariamente con i confini nazionali. Le carte da gioco italiane ad esempio, a seconda della regione, fanno uso sia di semi italiani, sia di semi spagnoli, francesi o tedeschi. In generale i semi italiani, spagnoli e portoghesi condividono gli stessi tipi di simboli bastoni, spade, denari e coppe e sono collettivamente detti semi latini, ma si differenziano principalmente in come sono rappresentati e disposti i simboli delle carte di bastoni e di spade.

Nei semi italiani le spade sono ricurve e disposte in modo da incrociarsi, in quelli spagnoli e portoghesi sono dritte. I bastoni dei semi italiani sono sottili e dritti, mentre quelli dei semi spagnoli e portoghesi sono nodosi randelli. Inoltre mentre nei semi italiani e portoghesi spade e bastoni sono disposti in modo da intrecciarsi, in quelli spagnoli non si intrecciano [24]. Le 13 carte per ogni seme sono composte da dieci carte numeriche, dall'1 l' asso fino al 10 ognuna delle quali riportante tanti simboli del suo seme corrispondenti al suo valore numerico - il simbolo dell'asso è notevolmente più grosso di quello delle altre carte , da un fante , da una regina e da un re.

Generalmente su due angoli opposti, quello in alto a sinistra e in basso a destra, o, in alcuni casi, su tutti e quattro gli angoli è riportato il valore della carta per facilitarne l'identificazione quando sono tenute in mano a ventaglio. L'asso di picche ha un simbolo di solito più grosso e decorato degli altri, in una tradizione iniziata dopo una legge promulgata da Giacomo I d'Inghilterra che richiedeva una stampigliatura su quella carta come prova del pagamento della tassa sulla produzione delle carte da gioco. Molti dei mazzi hanno grandi indici per l'uso in giochi di stud poker dove la possibilità di leggere le carte da lontano è un beneficio e le dimensioni delle mani di gioco sono piccole.

Per abbreviare il nome delle carte si usa generalmente per le carte numeriche il suo valore seguito dal suo seme eccetto l'Asso indicato con "A" , mentre per le figure si usa "J", "Q" e "K" rispettivamente per "Fante", "Regina" e "Re" sono le abbreviazioni dei nomi inglesi Jack , Queen e King. Per esempio le carte del seme di picche sono: Nonostante il nome, questi semi sono usati solo in alcune zone dell'Italia settentrionale grosso modo l'ex Repubblica di Venezia , incluse Bergamo e Brescia e nel bolognese [24]. Nelle restanti zone d'Italia sono diffusi semi di tipo "spagnolo" o di altro tipo vedi sotto. Sono inoltre i semi tradizionali usati nei mazzi di tarocchi [24]. I semi italiani , oggi diffusi soprattutto in Italia settentrionale, sono bastoni, ori o denari, spade e coppe.

Hanno le spade in forma di scimitarre e i bastoni in forma di scettri o mazze cerimoniali. Gli assi elaborati possono riportare un motto. Oltre che in Spagna, sono usati nei paesi latino americani di lingua spagnola, nella regione del Rossiglione francese e in molte regioni italiane, dall'Emilia alla Sicilia alla Sardegna. Le carte sono inoltre prodotte specificatamente per il gioco dell' Aluette , diffuso in Bretagna e Bordeaux.

I semi di origine spagnola sono bastoni, ori o denari, spade e coppe. Rispetto ai corrispettivi italiani si notano i bastoni in forma di tronchi o randelli e le spade più corte e dritte. Gli spagnoli hanno un mazzo speciale, detto baraja española. Le carte tedesche e austriache hanno un aspetto diverso. Mentre nella Germania renana e settentrionale sono in uso carte di modello francese, nella Germania del sud, nell'Austria, nell'Alto Adige e nell' Europa danubiana , sono diffusi i mazzi tradizionali con cuori, campanelli, foglie e ghiande che sostituiscono rispettivamente cuori, quadri, fiori e picche.

Si usano anche in altre aree d' Italia ove sono presenti minoranze di lingua tedesca, in Slovenia , Ungheria , Repubblica Ceca , Croazia , Slovacchia , Bosnia e Transilvania. Ad esempio, nella Valcanale Friuli Venezia Giulia si gioca a " Schnaps " variante più semplice del "Bauernschnapsen" austriaco , un gioco con venti carte e di conseguenza con partite molto brevi.

Il mazzo di carte regionale a semi tedeschi usato nell'Alto Adige è detto Salisburghese Salzburger , composto un tempo da 36 ed ora più frequentemente da 40 carte a figure intere. Il particolare che più lo differenzia oltre ai semi dagli altri mazzi regionali italiani sono i valori.

Focus: «Ecco l'origine dei semi delle carte napoletane»

Oggi vi dico due parole sul seme delle carte napoletane. A dire il vero, lo stesso ragionamento vale per tutte le varianti di carte da scopa e. Secondo un'ipotesi largamente diffusa i semi delle carte napoletane rappresentano le classi sociali del Medioevo: coppe il clero, denari i. Eccoci al secondo articolo dedicato alla divinazione con le Carte Napoletane. Dopo aver analizzato il significato del seme di Coppe e delle sue. Su Focus Storia di questo mese c'è un articolo che parla dei semi delle carte napoletane. Secondo un'ipotesi largamente diffusa i semi delle. Il settimanale scientifico Focus ha pubblicato un servizio in cui racconta la possibile origine dei semi ritratti sulle carte napoletane. Secondo. Le carte napoletane sono carte in stile spagnolo. in forma di stelle, l'asso dello stesso seme rappresentato come un'aquila a. Cominciamo con i semi delle carte napoletane. La coppe sono relative all'ambito emotivo, sentimentale e anche a quello lavorativo; il seme di.

Toplists