Home > Film vietnam roulette russa

Film vietnam roulette russa

Film vietnam roulette russa

Tematiche che richiamano una sorta di atavico rito di passaggio e che, sul piano narrativo, daranno vita ad alcune delle scene più famose di un'opera entrata giustamente nell'immaginario collettivo: Il cacciatore debuttava nelle sale statunitensi esattamente quarant'anni fa, il 23 febbraio , a un mese e mezzo di distanza da una première entusiastica a Los Angeles l'8 dicembre e tre giorni dopo aver ricevuto nove candidature agli Oscar. Preceduto da una serrata compagna promozionale e da accesi dibattiti, prima ancora di uscire Il cacciatore è già uno dei titoli più attesi e discussi dell'annata: Più cauta Pauline Kael, che ne mette in discussione alcune ambiguità morali, cogliendo l'aspetto più controverso dell'opera di Cimino.

Le controversie relative al conflitto in Vietnam avranno una risonanza ancora maggiore quando, in quegli stessi giorni, Il cacciatore viene rimosso dal programma del Festival di Berlino in seguito alle proteste contro una descrizione dei vietcong giudicata razzista e manichea. Il 9 aprile Il cacciatore si aggiudica cinque premi Oscar per miglior film, regia, attore supporter, montaggio e sonoro, in un'edizione che si svolge nel segno della guerra del Vietnam: E a mantenere aperta la 'ferita' provvederà, pochi mesi più tardi, Francis Ford Coppola con il suo leggendario Apocalypse Now. Leggi anche: Ricordando Michael Cimino: Vengono costretti a partecipare alla tortura della roulette russa mentre i carcerieri scommettono su di loro.

Steven è il primo a cedere, quando vinto dalla paura e dalla spossatezza spara verso il soffitto il colpo che avrebbe dovuto dirigersi alla testa secondo le regole del crudele gioco. Per punizione viene buttato nel "pozzo": L'azione disperata riesce e, dopo avere liberato Steven, i tre fuggono lasciandosi trasportare dalla corrente attaccati ad un tronco d'albero; giunti ad un ponte sospeso vengono soccorsi da un elicottero americano ma Steven non riesce a rimanere appeso al pattino e cade in acqua, seguito immediatamente da Michael che si butta per salvarlo, mentre Nick viene trattenuto dall'equipaggio del velivolo.

Nella caduta Steven si frattura entrambe le gambe e Michael se lo carica sulle spalle fino a che non incontra una colonna di militari e profughi in fuga verso Saigon e riesce a far stendere Steven sul cofano di una Jeep. Nick viene ricoverato in un ospedale militare per i traumi fisici e psicologici subiti e, una volta dimesso, si avventura per Saigon: Vorrebbe allontanarsi, ma Julien, un faccendiere francese, lo persuade a entrare e, una volta usciti, a giocare per lui.

Nel locale è presente anche Michael che riconosce Nick e tenta di raggiungerlo, ma senza successo. Michael viene rimpatriato, presentando seri problemi di reinserimento nella vita civile. L'ex combattente si porta dietro profondi traumi emotivi, se non psichici: Nella cittadina mineraria della Pennsylvania gli amici rimasti a casa sembrano non capire nulla della guerra. I giorni successivi sembrano confermare il suo spaesamento e i cambiamenti avvenuti in lui: Alla sera, vedendo Stanley che minaccia per scherzo Axel con la sua pistola, gliela sfila violentemente di mano e lasciando un solo proiettile nel tamburo, la punta alla fronte dell'amico premendo il grilletto a vuoto, facendo comprendere a Stanley la gravità del suo gesto.

Il giorno dopo Michael torna con Linda al motel dove alcune sere prima avevano passato la notte insieme; incontra poi Steven che si trova in una struttura per reduci dopo avere subito l'amputazione delle gambe e la perdita dell'uso di un braccio, rifiutandosi di tornare a casa, anche per il fatto di aver scoperto la verità sul tradimento di Angela. Steven mette al corrente Michael del fatto che periodicamente riceve grandi quantità di denaro dal Vietnam. Michael intuisce che si tratta di Nick; Steven non comprende dove il ragazzo possa trovare tanto denaro, ma Michael ha capito e, dopo avere convinto, quasi costretto, Steven a lasciare la struttura e a tornare dalla moglie, fa ritorno in Vietnam allo scopo di trovare l'amico perduto.

Vagando per Saigon ormai in preda al caos, Michael trova Julien e lo persuade a condurlo nel luogo dove si pratica la roulette russa, dicendogli di voler partecipare; una volta di fronte a Nick, divenuto ormai un professionista del macabro gioco, non viene tuttavia riconosciuto e, per compiere un estremo tentativo di ricondurlo alla ragione, si siede di fronte a lui ricreando la situazione già vissuta durante la breve prigionia. Nick, accecato dalla sua profonda sofferenza, sembra indifferente alla vista dell'amico.

Durante la partita Michael cerca di parlargli evocando ricordi di prima della partenza, ma inutilmente: Nick preme il grilletto e muore di fronte agli occhi dell'amico, facendogli comunque capire di averlo riconosciuto citando la frase dell'amico "Un colpo solo". Tutti gli amici partecipano al funerale di Nick e, durante il ricevimento nel bar di John, l'atmosfera è dimessa e silenziosa: Considerato film sulla guerra , o più correttamente sui suoi orrori e sul conseguente rifiuto della stessa, il film è una grande elegia dell' amicizia.

Sia per le grandi interpretazioni dello straordinario cast messo in campo Robert De Niro , Christopher Walken , Meryl Streep, J ohn Savage sia per l'immagine dell'America che trasmette, e in un momento in cui non era affatto banale farlo. Un "testamento di un'era" , come lo abbiamo definito altrove, parlando della prova di De Niro, una delle sue migliori di tutti i tempi. E sicuramente una delle più toccanti, a detta dello stesso grande attore, che durante una l'AFI Life Achievement Award: La scena da antologia.

Ovvia la scelta della sequenza della Roulette russa cui sono costretti Nick e Michael, prigionieri dei Viet-Cong poi richiamata e 'conclusa' nella successiva e tragica ripetizione dello stesso confronto. Una scena che tutti ricordano - girata davvero in una capanna lungo il fiume Kwai affollata di topi e insetti - e alla quale molti erroneamente si limitano nella lettura e nella rievocazione di un film che nella sua circolarità e nella sua completezza ha molto altro - meno esplicito e più profondo - da offrire.

I premi. Dove e quando. Alle Il cacciatore. In occasione delle nozze di Steven con Angela, tutta la comunità di origine russa si stringe intorno a loro per la cerimonia religiosa e per il chiassoso ricevimento che l'accompagna. Quando i tre giungono sul teatro delle operazioni militari, cadono prigionieri dei Vietcong e subiscono terribili torture prima di reagire e tentare di liberarsi. Gli avvenimenti successivi li disperdono. Steven finisce in un ospedale, è paralizzato e non ha più voglia di tornare dalla moglie a Clayton. Nick, traumatizzato e pressoché senza memoria del passato, si imbosca a Saigon dove gioca clandestinamente nella roulette-russa, gara mortale intorno a cui ruotano grosse scommesse.

Mike, l'unico tornato a casa sano e pieno di decorazioni, ridona fiducia a Linda, la ragazza promessa a Nick. Recatosi a caccia con John, Axel e Julien, Mike risparmia il cervo che appare al suo mirino, perché è un bersaglio facile e indifeso e convince Steven al rientro nella comunità. Tornato ad una Saigon infernale per l'imminente tracollo, raggiunge Nick; non riesce ad impedirgli un'ultima gara mortale e ne riporta il cadavere in patria. Dopo il funerale, ancora una volta i superstiti si trovano mestamente raccolti.

Il cacciatore | Film | Recensione | Ondacinema

Sono stati chiamati alle armi e stanno per recarsi in Vietnam. del passato, si imbosca a Saigon dove gioca clandestinamente nella roulette-russa, gara il capolavoro di Michael Cimino, senza dubbio il migliore tra i troppi film sul Vietnam. Ecco i film che hanno parlato della guerra del Vietnam. finivano per essere catturati dai vietcong, che li costringevano al terribile gioco della roulette russa. "Il cacciatore" è un film sulla guerra del Vietnam, sull'amicizia, sulla costretti alla roulette russa; la loro fuga e perdita di vista; il ricovero di. Il cacciatore, la storia di tre amici spediti in Vietnam, esordiva al cinema 40 anni fa: analizziamo i motivi per cui è diventato uno dei film più importanti di nel campo di prigionia, con la scioccante pratica della roulette russa. Il cacciatore (The Deer Hunter) è un film del diretto da Michael Cimino. Sebbene non sia I primi tre sono in procinto di partire per il Vietnam e uno di loro, Steven, il più timido e impacciato, sta per convolare a Vengono costretti a partecipare alla tortura della roulette russa mentre i carcerieri scommettono su di loro. Il cacciatore (The Deer Hunter) - Un film di Michael Cimino. Tre ore di Tre ragazzi della Pennsylvania vanno alla guerra (nel Vietnam). Due tornano . Catturati dai Vietcong, subiscono la tortura della roulette russa, ma riescono a fuggire. Il film sei tu, rappresenta il tuo inconscio più di qualsiasi altra cosa. del film), il suo viaggio in Vietnam per cercare Nick, infine il ritorno a casa. Nell'ultimo duello alla roulette russa tra i due amici si dispiega dunque il.

Toplists